La Dorotea, pubblicata nel 1632, appartiene alla fase finale straordinaria, definita come ciclo de senectute, di Lope de Vega (1562-1635). Narrazione in prosa, interamente dialogata, con importanti interpolazioni liriche, è l’unico capolavoro del dramaturgo spagnolo a non aver avuto i riconoscimenti internazionali meritati. Con questo articolo si indaga nell’onomastica e nel repertorio paremiologico, con l’obiettivo di evidenziare l’influenza dell’opera La Celestina (1499) di Fernardo de Rojas, anche i questi aspetti, e contribuire alla conoscenza dell’opera rimasta a lungo nell’ombra.

Intriga de nombres: máscaras, disfraces y desdoblamientos en La Dorotea de Lope de Vega .

MESSINA FAJARDO, TRINIS ANTONIETTA
2012

Abstract

La Dorotea, pubblicata nel 1632, appartiene alla fase finale straordinaria, definita come ciclo de senectute, di Lope de Vega (1562-1635). Narrazione in prosa, interamente dialogata, con importanti interpolazioni liriche, è l’unico capolavoro del dramaturgo spagnolo a non aver avuto i riconoscimenti internazionali meritati. Con questo articolo si indaga nell’onomastica e nel repertorio paremiologico, con l’obiettivo di evidenziare l’influenza dell’opera La Celestina (1499) di Fernardo de Rojas, anche i questi aspetti, e contribuire alla conoscenza dell’opera rimasta a lungo nell’ombra.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11387/5710
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact