Quel che la Corte costituzionale non dice