La “ghigliottina” della Boldrini: il fine non giustifica i mezzi