La “regola del canguro”: ovvero della dignità del tempo