CONTRO IL "CAPITALISMO" EPISTOLARE