«Ma chi perdonerà questo discorso». Questioni di filologia penniana