Alessandro Fo, Otto febbraio