L'architetto, spesso, vive e sogna la propria casa. Si diventa architetti, spesso, con una visione, pensando alla propria casa. Sin dai primi segni infantili, la casa è sempre presente. Se è difficile disegnare la casa di altri, più difficile è disegnare la casa per se stessi, come dimostra la straordinaria esperienza di Curzio Malaparte, presa a riferimento. Sulla propria casa, infatti, si applicano le sperimentazioni più ricercate, con la possibilità di sondare la praticabilità di percorsi nuovi, da portare a compimento in altri progetti. Anche per questo, la propria casa è sempre un’opera interrotta; completarla può significare la conclusione di una ricerca che si identifica con la vita.

Casa come me

ODDO, MAURIZIO
2014

Abstract

L'architetto, spesso, vive e sogna la propria casa. Si diventa architetti, spesso, con una visione, pensando alla propria casa. Sin dai primi segni infantili, la casa è sempre presente. Se è difficile disegnare la casa di altri, più difficile è disegnare la casa per se stessi, come dimostra la straordinaria esperienza di Curzio Malaparte, presa a riferimento. Sulla propria casa, infatti, si applicano le sperimentazioni più ricercate, con la possibilità di sondare la praticabilità di percorsi nuovi, da portare a compimento in altri progetti. Anche per questo, la propria casa è sempre un’opera interrotta; completarla può significare la conclusione di una ricerca che si identifica con la vita.
978-88-548-6874-8
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11387/119127
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact