Quando l’immagine è più forte del diritto