Una "povera innamorata senza amore". Maria Messina e il disincanto dell'emancipazione