Il linguaggio shakespeariano affonda le proprie radici nei molteplici piani del discorso e ancora di più in quelle espressioni idiomatiche che, al limite tra il gioco di parole e il linguaggio figurato, cristallizzano allusioni e implicazioni metalinguistiche tipiche di gran parte dell’attività del poeta e drammaturgo di Stratford-upon-Avon. La sensibilità immaginativa dell’autore si condensa in una partita con il lettore e il traduttore chiamati a muoversi a cavallo tra analogie e omologie culturali. Il presente articolo si propone di analizzare alcuni aspetti della storia dei puns shakespeariani destinati a rimanere un “riddle” linguistico di difficile soluzione, carico di aspettative critiche, curiosità sceniche e realtà storiche.

"Forever and a day": i giochi di parole shakespeariani come attraversamento di senso e risorsa traduttiva.

Annalisa Bonomo
2018

Abstract

Il linguaggio shakespeariano affonda le proprie radici nei molteplici piani del discorso e ancora di più in quelle espressioni idiomatiche che, al limite tra il gioco di parole e il linguaggio figurato, cristallizzano allusioni e implicazioni metalinguistiche tipiche di gran parte dell’attività del poeta e drammaturgo di Stratford-upon-Avon. La sensibilità immaginativa dell’autore si condensa in una partita con il lettore e il traduttore chiamati a muoversi a cavallo tra analogie e omologie culturali. Il presente articolo si propone di analizzare alcuni aspetti della storia dei puns shakespeariani destinati a rimanere un “riddle” linguistico di difficile soluzione, carico di aspettative critiche, curiosità sceniche e realtà storiche.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11387/134623
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact