Le parole che attraversano i confini. Centralità e marginalità della letteratura comparata