Se "al cuor non si comanda" allora "va' dove ti porta il cuore": la Corte costituzionale tra "ragione e sentimento".