I confini dello spazio vitale per il detenuto