Questo scritto ha lo scopo di proporre alcuni elementi di riflessione sul ruolo che la memoria ha avuto in passato e può continuare ad avere per un architetto inserito nella condizione temporale del suo tempo. In particolare, attraverso l’esposizione di alcuni esempi emblematici, vorremmo delineare gli elementi di una genealogia che indaga i modi in cui il rapporto tra archeologia, architettura e città è stato usato da alcuni architetti come strumento di trasposizione, di trasfigurazione e di invenzione.

Il nuovo è un sottile strato che poggia su abissi di possibilità latenti

Marzullo Calogero
2022

Abstract

Questo scritto ha lo scopo di proporre alcuni elementi di riflessione sul ruolo che la memoria ha avuto in passato e può continuare ad avere per un architetto inserito nella condizione temporale del suo tempo. In particolare, attraverso l’esposizione di alcuni esempi emblematici, vorremmo delineare gli elementi di una genealogia che indaga i modi in cui il rapporto tra archeologia, architettura e città è stato usato da alcuni architetti come strumento di trasposizione, di trasfigurazione e di invenzione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11387/152842
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact