Il contributo analizza le quattro epistole latine superstiti di Chiara d'Assisi indirizzate ad Agnese di Praga. Ne emerge una riformulazione della figura di Chiara che ritorce contro gli stessi ambienti ecclesiali il linguaggio da questi usati contro di lei e, in sordina, si avvale del linguaggio di Francesco medesimo, autore sia del Cantico sia dell'Epistola toti ordini missa, per invertire il sistema di valori rappresentato da Federico II stupor mundi

Clare the epistolograhper against Church and Empire stupenda paupertas vs stupor mundi

Rodney Lokaj
2021

Abstract

Il contributo analizza le quattro epistole latine superstiti di Chiara d'Assisi indirizzate ad Agnese di Praga. Ne emerge una riformulazione della figura di Chiara che ritorce contro gli stessi ambienti ecclesiali il linguaggio da questi usati contro di lei e, in sordina, si avvale del linguaggio di Francesco medesimo, autore sia del Cantico sia dell'Epistola toti ordini missa, per invertire il sistema di valori rappresentato da Federico II stupor mundi
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11387/153062
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact