"Un tarlo che rode, una malattia che s'attacca". L'America secondo gli scrittori siciliani