La tutela dei “soggetti deboli” nella giurisprudenza costituzionale