Causalità, colpa e ragionevole dubbio: la “lezione americana” e la responsabilità medica