Permanenze storiche e mutazioni moderne: il fallimento della contemporaneità