Centri a continuità di vita: il problema delle unità edilizie abitative