Lo spettacolo dell’estremo e l’inganno della modernità