Trattamenti di fine-vita in Italia: il difficile compito del legislatore, tra il “no” al nichilismo giuridico e il rispetto della volontà del paziente