Quando le serenate finivano male anche in letteratura