Homer Simpson e la spettacolarizzazione della comunicazione – parte II