Calvino e il «modello» della fiaba