Per trasformare l’istituzione scolastica, l’università e le altre agenzie educative in spazi di cittadinanza attiva è necessario educare alla democrazia. Scuola e università devono infatti essere luoghi di confronto, di incontro e di dialogo realmente democratici perché l’identità si costruisce e si struttura nella dialettica con l’alterità e d’altra parte il riconoscimento della diversità e della marginalità, da una parte, e la costruzione della reciprocità, dall’altra, richiedono un processo di elaborazione. Non va inoltre dimenticato che obiettivo educativo è l’autogoverno che si raggiunge attraverso il cambiamento e la creatività.

Ripensare l'intercultura come incontro con l'alterità

SALMERI, Stefano
2014

Abstract

Per trasformare l’istituzione scolastica, l’università e le altre agenzie educative in spazi di cittadinanza attiva è necessario educare alla democrazia. Scuola e università devono infatti essere luoghi di confronto, di incontro e di dialogo realmente democratici perché l’identità si costruisce e si struttura nella dialettica con l’alterità e d’altra parte il riconoscimento della diversità e della marginalità, da una parte, e la costruzione della reciprocità, dall’altra, richiedono un processo di elaborazione. Non va inoltre dimenticato che obiettivo educativo è l’autogoverno che si raggiunge attraverso il cambiamento e la creatività.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11387/111220
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact