Nei Paesi baschi l'elaborazione nazionalista di fine Ottocento rappresentò una reazione ai processi di immigrazione che mutarono in profondità la società locale. La xenofobia ed il razzismo del pensiero di Sabino Arana, vero demiurgo del nazionalismo, però lasciarono gradualmente spazio a prassi più inclusive conseguenza della necessità di affermarsi elettoralmente, nonchè della maturazione in senso cristiano sociale del movimento. L'ulteriore ondata di immigrazione del secondo dopoguerra fu decisiva per la ridefinizione di un nazionalismo identitario che abbadonava criteri razziali per più inclusivi criteri etno-nazionalisti fondati sul culto dell'idioma basco e sulla "dedizione alla causa" nazionalista.

Nazionalismo e immigrazione: il caso basco

MICCICHE', ANDREA
2012

Abstract

Nei Paesi baschi l'elaborazione nazionalista di fine Ottocento rappresentò una reazione ai processi di immigrazione che mutarono in profondità la società locale. La xenofobia ed il razzismo del pensiero di Sabino Arana, vero demiurgo del nazionalismo, però lasciarono gradualmente spazio a prassi più inclusive conseguenza della necessità di affermarsi elettoralmente, nonchè della maturazione in senso cristiano sociale del movimento. L'ulteriore ondata di immigrazione del secondo dopoguerra fu decisiva per la ridefinizione di un nazionalismo identitario che abbadonava criteri razziali per più inclusivi criteri etno-nazionalisti fondati sul culto dell'idioma basco e sulla "dedizione alla causa" nazionalista.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11387/117714
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact