Il nuovo Senato tra strumentalizzazioni e inutili forzature