Siegfried Sassoon e la poesia di trincea della Grande Guerra