I beni confiscati alla criminalità organizzata come “beni comuni”: brevi considerazioni, tra diritto pubblico e privato