Carlo Cassola e "l'assenza di residui". Le ragioni di uno scrittore "geologico"