A proposito di un improbabile Nobel per la pace