Partendo dall'analisi degli statuti/regolamenti dei gruppi parlamentari del MoVimento Cinque Stelle alla Camera e al Senato, con specifico riferimento ad alcune disposizioni interne di dubbia costituzionalità (sanzione pecuniaria in caso di espulsione, interferenza di soggetti estrerni sulla nomina e revoca di organi direttivi), l'articolo affronta il problematico tema del rapporto tra Costituzione, regolamenti parlamentari e statuti interni al fine di verificare se e, eventualmente, dinanzi a chi è possibile ricorrere contro le disposizioni di questi ultimi ritenute incostituzionali o illegittime.

Costituzione, regolamenti parlamentari e statuti dei gruppi politici: un rapporto da ripensare

curreri s
2018

Abstract

Partendo dall'analisi degli statuti/regolamenti dei gruppi parlamentari del MoVimento Cinque Stelle alla Camera e al Senato, con specifico riferimento ad alcune disposizioni interne di dubbia costituzionalità (sanzione pecuniaria in caso di espulsione, interferenza di soggetti estrerni sulla nomina e revoca di organi direttivi), l'articolo affronta il problematico tema del rapporto tra Costituzione, regolamenti parlamentari e statuti interni al fine di verificare se e, eventualmente, dinanzi a chi è possibile ricorrere contro le disposizioni di questi ultimi ritenute incostituzionali o illegittime.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11387/131528
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact