Il contributo analizza sinteticamente il percorso seguito – prima disgiuntamente e poi congiuntamente – dalla Commissione e dal Parlamento europei per l’accreditamento dei c.d. “gruppi di interesse” (o lobby). In particolare, sono rassegnati i provvedimenti adottati dalle predette istituzioni per regolare la presenza e la partecipazione attiva dei rappresentanti di interesse al processo decisionale europeo; e sono indicate le più rilevanti disposizioni che infine – nel Registro per la trasparenza adottato nel 2011 – impongono diritti e doveri in capo tanto agli organi europei, quanto ai lobbisti.

ESISTE UNA SOVRANITÀ “ALTERNATIVA” O “COMPLEMENTARE”? BREVI CENNI SULL’ACCREDITAMENTO DELLE LOBBY PRESSO IL PARLAMENTO E LA COMMISSIONE EUROPEI.

R. Di Maria
2019

Abstract

Il contributo analizza sinteticamente il percorso seguito – prima disgiuntamente e poi congiuntamente – dalla Commissione e dal Parlamento europei per l’accreditamento dei c.d. “gruppi di interesse” (o lobby). In particolare, sono rassegnati i provvedimenti adottati dalle predette istituzioni per regolare la presenza e la partecipazione attiva dei rappresentanti di interesse al processo decisionale europeo; e sono indicate le più rilevanti disposizioni che infine – nel Registro per la trasparenza adottato nel 2011 – impongono diritti e doveri in capo tanto agli organi europei, quanto ai lobbisti.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11387/135439
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact