L'articolo prende in considerazione l'arte del biografo fantomatico incarnata da Wilcock nel suo "La sinagoga degli iconoclasti", un ibrido a metà tra il fantastico stereoscopico e la metaletteratura, tra Schwob e Borges. Ma anche resoconto straniante e lacerato di un visitatore dell'inferno sulla terra che osserva col suo sguardo cadaverico e irriverente.

Un visitatore dannato dell'inferno. Wilcock e l'arte fantastica del biografo

Salvatore Ferlita
2019

Abstract

L'articolo prende in considerazione l'arte del biografo fantomatico incarnata da Wilcock nel suo "La sinagoga degli iconoclasti", un ibrido a metà tra il fantastico stereoscopico e la metaletteratura, tra Schwob e Borges. Ma anche resoconto straniante e lacerato di un visitatore dell'inferno sulla terra che osserva col suo sguardo cadaverico e irriverente.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11387/139866
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact