Il giudice del "potere pubblico" ed il percorso riformatore