Convivenza e confini della solidarietà post-coniugale. Niente automatismi: la necessaria valutazione equitativa del giudice