I ceti medi siciliani tra familismo e arretratezza