Il contributo analizza l’evoluzione subita – nella interpretazione della Corte costituzionale – della nozione di “famiglia di fatto”. In particolare, dalla tradizionale diarchia fra giuspositivismo e giusnaturalismo, l’Autore ricava gli elementi essenziali in base ai quali il Giudice costituzionale ha ricostruito l’unitario paradigma di convivenza non fondata sul matrimonio (i.e. more uxorio) quanto, piuttosto, sulla tutela dei diritti riconosciuti ai singoli individui, componenti della medesima unione. Ciò anche in relazione alla possibile, futura, regolamentazione legislativa di tali forma “alternativa” di aggregazione familiare, eventualmente in consonanza con le linee di tendenza normativa europee.

Aggregati familiari e Costituzione

DI MARIA, Roberto
2013

Abstract

Il contributo analizza l’evoluzione subita – nella interpretazione della Corte costituzionale – della nozione di “famiglia di fatto”. In particolare, dalla tradizionale diarchia fra giuspositivismo e giusnaturalismo, l’Autore ricava gli elementi essenziali in base ai quali il Giudice costituzionale ha ricostruito l’unitario paradigma di convivenza non fondata sul matrimonio (i.e. more uxorio) quanto, piuttosto, sulla tutela dei diritti riconosciuti ai singoli individui, componenti della medesima unione. Ciò anche in relazione alla possibile, futura, regolamentazione legislativa di tali forma “alternativa” di aggregazione familiare, eventualmente in consonanza con le linee di tendenza normativa europee.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11387/42927
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact