Se il paradosso aiuta a insegnare