Il “caso Occhetto”: finale di partita?