GIUSTIZIA SENZA TOGA. LA GIURIA E IL SENSO COMUNE