La “rappresentazione” della crisi