La scelta di tale argomento nasce dalla consapevolezza e dall’esigenza sempre più evi- dente di prestare attenzione agli aspetti psico-sociali e psico-pedagogici circa lo sviluppo dei bambini; ma soprattutto di cercare di porre l’accento sulle opportunità e le strategie di prevenzione del disagio psicologico in età evolutiva, specie in particolari situazioni quali la depressione e lo stress infantile. Si è voluto offrire un’opportunità di riflessione critica su un problema che si sta dif- fondendo a macchia d’olio, anche se non è di nuova origine, al quale però soltanto in que- sti ultimi tempi si è cominciato a dare ampio spazio. Il testo è indirizzato ai professionisti dell’educazione che, a diverso titolo, interagi- scono nei percorsi di crescita e di maturazione dei più piccoli. È rivolto anche agli inse- gnanti, ai genitori e a tutti gli operatori esperti in prassi educative ivi comprese le figure di nuova formazione nel settore socio-sanitario. Partendo da questo presupposto, si è cercato di approfondire la problematica dello stress e della depressione infantile, i quali, pur essendo disturbi psichici della persona, pre- sentano notevoli e pesanti ricadute su tutto lo sviluppo del bambino, coinvolgendo la dimensione fisica, affettiva, sociale, cognitiva e motivazionale. Si è ritenuto utile e doveroso affrontare tale problema, ancora oggi poco conosciuto o divulgato, allo scopo di approfondire lo stato delle conoscenze sulla depressione infantile e mettere in evidenza i possibili interventi, per lo più di matrice educativa, efficaci tanto nella prevenzione del problema, quanto nella gestione dello stesso. Analizzando i fenomeni dello Stress e della Depressione nell’età infantile, il testo si propone di sintetizzarne gli aspetti caratteristici, di natura sanitaria, proponendo una lettura di tipo pedagogico ed educativo in senso lato, in cui l’accento va indubbiamente posto non soltanto sull’analisi dei fattori di rischio, ma allo stesso tempo, sulle possibili strategie di prevenzione e sugli attori che, in un siffatto contesto di aiuto stabiliscono e conducono la relazione.

“Stress e Depressione nell’infanzia: interventi di prevenzione e di educazione”

LO PICCOLO, Alessandra
2005

Abstract

La scelta di tale argomento nasce dalla consapevolezza e dall’esigenza sempre più evi- dente di prestare attenzione agli aspetti psico-sociali e psico-pedagogici circa lo sviluppo dei bambini; ma soprattutto di cercare di porre l’accento sulle opportunità e le strategie di prevenzione del disagio psicologico in età evolutiva, specie in particolari situazioni quali la depressione e lo stress infantile. Si è voluto offrire un’opportunità di riflessione critica su un problema che si sta dif- fondendo a macchia d’olio, anche se non è di nuova origine, al quale però soltanto in que- sti ultimi tempi si è cominciato a dare ampio spazio. Il testo è indirizzato ai professionisti dell’educazione che, a diverso titolo, interagi- scono nei percorsi di crescita e di maturazione dei più piccoli. È rivolto anche agli inse- gnanti, ai genitori e a tutti gli operatori esperti in prassi educative ivi comprese le figure di nuova formazione nel settore socio-sanitario. Partendo da questo presupposto, si è cercato di approfondire la problematica dello stress e della depressione infantile, i quali, pur essendo disturbi psichici della persona, pre- sentano notevoli e pesanti ricadute su tutto lo sviluppo del bambino, coinvolgendo la dimensione fisica, affettiva, sociale, cognitiva e motivazionale. Si è ritenuto utile e doveroso affrontare tale problema, ancora oggi poco conosciuto o divulgato, allo scopo di approfondire lo stato delle conoscenze sulla depressione infantile e mettere in evidenza i possibili interventi, per lo più di matrice educativa, efficaci tanto nella prevenzione del problema, quanto nella gestione dello stesso. Analizzando i fenomeni dello Stress e della Depressione nell’età infantile, il testo si propone di sintetizzarne gli aspetti caratteristici, di natura sanitaria, proponendo una lettura di tipo pedagogico ed educativo in senso lato, in cui l’accento va indubbiamente posto non soltanto sull’analisi dei fattori di rischio, ma allo stesso tempo, sulle possibili strategie di prevenzione e sugli attori che, in un siffatto contesto di aiuto stabiliscono e conducono la relazione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11387/7593
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact