Una “bottega rinascimentale” tra le montagne svizzere