Tra omologazione e differenziazione: come consumano gli immigrati