Il contributo analizza la struttura processuale del giudizio per conflitto di attribuzioni fra Poteri dello Stato, ed in specie la legittimazione a sollevare il conflitto, alla luce della ordinanza 149 del 2016 della Corte costituzionale. Gli Autori criticano la posizione della Corte, rispetto al suo monolitico obstat alla legittimazione a ricorrere da parte del singolo parlamentare, nella prospettiva di una - invece - opportuna valorizzazione del principio di "leale cooperazione" inter-istituzionale, di cui la stessa dovrebbe invero farsi garante.

L’ordinanza 149 del 2016 della Corte costituzionale: un’occasione (mancata) per ripensare la struttura processuale – ed indi, la funzione – del giudizio per conflitto di attribuzioni fra Poteri dello Stato?

DI MARIA, ROBERTO
2017

Abstract

Il contributo analizza la struttura processuale del giudizio per conflitto di attribuzioni fra Poteri dello Stato, ed in specie la legittimazione a sollevare il conflitto, alla luce della ordinanza 149 del 2016 della Corte costituzionale. Gli Autori criticano la posizione della Corte, rispetto al suo monolitico obstat alla legittimazione a ricorrere da parte del singolo parlamentare, nella prospettiva di una - invece - opportuna valorizzazione del principio di "leale cooperazione" inter-istituzionale, di cui la stessa dovrebbe invero farsi garante.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11387/123281
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact