La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha fornito una chiara interpretazione dell’art. 183 della Direttiva 2006/112/CE recante disciplina in materia di sistema comune dell’IVA. Più precisamente, con la sentenza in causa C-387/16 del 2018, i giudici hanno sancito - e confermato - che, interpretando il summenzionato articolo alla luce del principio di neutralità fiscale, non potrà considerarsi ammissibile una riduzione - operata sulla base di quanto previsto dal diritto nazionale - dell’importo degli interessi dovuti su eccedenza d’IVA non rimborsata.

Principio di neutralità fiscale e rimborso degli interessi derivanti da eccedenza IVA.

ANDREA PURPURA
2018

Abstract

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha fornito una chiara interpretazione dell’art. 183 della Direttiva 2006/112/CE recante disciplina in materia di sistema comune dell’IVA. Più precisamente, con la sentenza in causa C-387/16 del 2018, i giudici hanno sancito - e confermato - che, interpretando il summenzionato articolo alla luce del principio di neutralità fiscale, non potrà considerarsi ammissibile una riduzione - operata sulla base di quanto previsto dal diritto nazionale - dell’importo degli interessi dovuti su eccedenza d’IVA non rimborsata.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11387/135241
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact