Il presente contributo si interroga sulla reale efficacia degli studi di settore, intesi come strumenti di perfezionamento delle attività accertative dell’Amministrazione Finanziaria. Questo anche alla luce della sancita compatibilità della normativa italiana in materia di “studi” con quella europea relativa al sistema comune d'imposta sul valore aggiunto e con i fondamentali principi di neutralità fiscale e di proporzionalità. Tuttavia, gli studi di settore sono stati recentemente abrogati e sostituiti dai c.d. Indici di affidabilità fiscale (o ISA).

Gli studi di settore tra compatibilità con la normativa comunitaria e l’introduzione degli indici sintetici di affidabilità fiscale.

ANDREA PURPURA
2019

Abstract

Il presente contributo si interroga sulla reale efficacia degli studi di settore, intesi come strumenti di perfezionamento delle attività accertative dell’Amministrazione Finanziaria. Questo anche alla luce della sancita compatibilità della normativa italiana in materia di “studi” con quella europea relativa al sistema comune d'imposta sul valore aggiunto e con i fondamentali principi di neutralità fiscale e di proporzionalità. Tuttavia, gli studi di settore sono stati recentemente abrogati e sostituiti dai c.d. Indici di affidabilità fiscale (o ISA).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11387/135252
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact